• Hey stranger! Don't you know Italian? CLICK HERE to find out how to activate automatic translation!

Le Cronache del Perdente che Perse.

DeletedUser28378

Ospite
Ieri tra le 03:00 e la 05:00 (da veri Nerd u.u) io e spartano doc presi da argomenti molto culturali in una call da brividi (giusto per rimanere in tema Halloween) su Skype, ci chiedevamo come un tipo come questo qui:

george_r_r_martin.jpg

Il Sig. George R.R. Martin creatore di Game of Thrones sia riuscito con quelle sembianze a diventare famoso e ricco scrivendo un libro e poi tipi come Me e spartano doc:

Spartano doc:

12108808_914620531949664_1754486836669497874_n.jpg

Me:

00.png

Con questa corporatura da modelli e super intelligenti proveremo a scrivere un libro cercando di raggiungere i livelli do GOT se non oltre.

Quindi DJ BròZio dammi la base....

Spartano... tocca a te... BELLA ZIO BRO VAI CICCIO...
 

DeletedUser11740

Ospite
Titolo del libro: Il Perdente che inizia a perdere.
Capitolo 1: L’arrivo di Reek.
Nell’Epoca Terza il mondo era, in larga parte, protagonista di continue e futili guerre.

In questo periodo, un’abitante della piccola Alvona, stava per intraprendere un lungo viaggio che l’avrebbe portato alla scoperta di nuove mete, non contaminate dall'odio. Questo giovane avventuriero non era altri che un ragazzino di anni (7x+8x+2x-3)/2, il cui nome era Reek. Quest’ultimo, per affrontare il suo tortuoso viaggio, s’imbarcò dal Porto di Gallò, portando con se solo 7 camicie e 2 calzini oltre al suo fido cane, Spike.
Per trovare il gommone che l’avrebbe portato nel Burumbi, Reek si affidò al marinaio Pi Greco di anni 3.14 che, per soli 15k pp, gli trovò una sistemazione davvero confortevole sul gommone di CoopSeyDou, un mercante del sud.
Dopo 30 giorni di navigazione arrivò nel Burumbi, qui vi trascorse 2 notti e 5 giorni.
Seguirono 10 giorni di vagabondaggio durante i quali entrò in un Lounge Bar per ripararsi da una violenta tempesta di Palle di Neve.
La sua attenzione ricadde subito su un anziano signore, Lit, che era intento a raccontare vecchie e gloriose storie di guerra. Reek, che dalla guerra vi nacque, fu molto affascinato da queste storie e al termine del lungo racconto, decise di chiedere all'anziano signore dei consigli dato la grande esperienza bellica trapelata da quanto appena ascoltato. Lit, dalle domande del giovane, intuì subito che il ragazzo aveva certamente vissuto anch'egli la guerra. Dopo aver risposto alle sue domande, decise di consegnargli un grosso oggetto ammaccato, di colore nero e gli disse che con quello avrebbe potuto vincere la guerra. Reek, contento del grosso dono appena ricevuto, corse via dal Lounge Bar per tornare al suo rifugio dove esaminò a fondo… molto molto a fondo il dono appena ricevuto e si rammaricò di non aver precedentemento chiesto, al vecchio e saggio Lit, istruzioni circa il suo utilizzo. Dunque, il giovane, si ritrovò da solo e con un grosso coso ammaccato e nero nel suo freddo rifugio.

Durante la notte, custodendo il prezioso oggetto tra le sue mani, inavvertitamente lo strofinò. Ed ecco che accadde la magia! Un tizio uscì dal grosso coso nero, era Il Roscio; Reek, svegliatosi per il forte impatto, non capì cosa fosse appena accaduto, tra nu ritt e nu fatt. Il Roscio innervosito per essere stato disturbato durante il suo spuntino notturno esclamò: "E mo che vuò?" e Reek rispose: "Voglio vincere la guerra nel mio paese!!!". Il Roscio, resosi conto della grande determinazione di Reek, gli rispose: "Visto che qua non potrai mai vencere, ti teletrasporterò in un epoca parallela dove la tua vittoria sarà assicurata…"

… Fu così che venne teletrasportato nel 2007…

Reek si ritrovò su di un ponte che attraversava un fiume, capì subito di essere stato catapultato in un’altra epoca perché, in una rapida panoramica, si accorse di strani pali con sopra dei lucchetti. Lui non poteva saperlo, ma era appena arrivato a Roma ed il fiume che stava scorrendo sotto di lui, era il Tevere.

Dopo aver esplorato la città in un lungo e in lungo, la sua attenzione fu rapita da uno sconosciuto oggetto che spuntava dal vicino bidone della monnezza, lo raccolse. Egli non sapeva di aver appena trovato un computer.

Reek, in quelle ultime 2 settimane, aveva trovato ospitalità presso un campo profughi denominato: "Viva la Guerra". Sarà qui che imparerà l'uso del computer.

Acquisite le sue nuove conoscenze informatiche, invocò nuovamente Il Roscio e gli chiese come avrebbe potuto vincere la guerra e a quel punto Il Roscio esclamò: "Solo su Tribals potrai! E mo famm magnà!!!".
Così Reek, grazie al suo computer, potè cercare "Tribals" su "SeCerchiNonTrovi" e dopo piccoli e semplici passaggi riuscì a capirne il funzionamento e a registrarvisi.



Ringraziamenti:
Ringraziamo Dea che ha corretto la sintassi dell'opera, ringraziamo Alfavale91 che è stato di molto aiuto visto che non ha aiutato in alcun modo.

Non siate folli non siate affamati(perchè c'è Six) il capitolo sarà presto disponibile.
 

DeletedUser45415

Ospite
Mi dispiace dirvelo,ma non avrete successo
il titolo non è in inglese :p
 

GAWAIN

Granduca
Numero di reazioni
785
solita sbruffonagine stile sugo
 

DeletedUser32281

Ospite
Red, tu potresti fare un libro con i tuoi sogni aberranti.
 

DeletedUser38987

Ospite
Cantami, o Dea :confused:, del General Erke...
l'ira funesta che infiniti addusse
lutti le Gelas, molte anzi tempo all'Orco
generose travolse alme d'eroi.

Un poeta è nulla senza l'ispirazione, e per quello devo ringraziare Voi. u.u
 
Ultima modifica di un moderatore:

DeletedUser11740

Ospite
Si ma:
- Non è tua hai solo modificato un'altra opera.
- Questo è il nostro Topic, non ha successo solo perchè sugo l'ha postato in una sezione poco frequentata...
 

DeletedUser28378

Ospite
Spartano tranquillo è solo il I° Capitolo... appena leggeranno il seguito vedrai come questa sezione diventa viva.
 

DeletedUser11740

Ospite
Ma noi siamo Antonio e Antonio.
Nessuno ha AA come sigla, sembriamo le pile lol
 
Numero di reazioni
391
se lo sviluppo fosse aperto potrei provare a scrivere il capitolo 2 , tanto l'antifona l'ho capita:D
 
In cima